Documenti declassificati dell’FBI sostengono che Hitler scappò in Argentina (?)

Mi sono imbattuta in un video di un simpatico ragazzo con un altrettanto simpatico (quanto odioso 😀 ) accento toscano.
Pare che lui nella vita si diletti con tutt’altro (videogiochi), ma che questo video gli sia uscito dal “cuore” quando sono state diffuse alcune informazioni.
Il video in questione è questo:

Ora, io di natura non sono un’invasata complottista/complottara ma non sono nemmeno una anti-complottista totale, nel senso che credo che ogni cosa vada analizzata e scandagliata prima di dire “no, è ‘na strunzat’‘” oppure “Wow che cosa incredibile, non ci avrei mai scommesso un centesimo!“.
Così mi sono andata a guardare i link alle fonti postati dal ragazzo in questione, trovando delle cose interessanti:
1) I documenti ufficiali sul sito dell’FBI, declassati da pochissimo tempo, presenti in bella vista sotto gli occhi di tutti.

2) L’articolo su cui si basa il video e tutta la discussione contenuta all’interno, che riporto più giù e che potete trovare online cliccando qui

3) L’articolo del The Guardian in cui si spiega che le analisi del DNA hanno rivelato che il pezzo di teschio ritrovato nel bunker dove Hitler si sarebbe suicidato in realtà appartiene a una giovane donna.

E’ da sottolineare che nelle prime righe del documento FBI si legge: “Information obtained from […] unable to be verified because of […] disappearence. Attempts to locate […] negative. No record of him in police or INS files“.

Screenshot del documento ufficiale dal sito dell'FBI.

Screenshot del documento ufficiale dal sito dell’FBI.

La fonte della notizia, quindi, non sarebbe verificabile nè rintracciabile, per cui l’FBI non ha potuto “cambiare” la storia, per davvero, nel concreto, con questa “rivelazione”.

Tale fonte sarebbe da ritrovarsi in un uomo europeo, tale H.H.K., comparso su numerosi giornali come il “detentore della verità” riguardo al Führer.

Il documento dell’FBI, comunque, è formato da ben 203 pagine, molte delle quali contengono articoli di giornale a sostegno della faccenda: foto di un ipotetico Hitler anziano, testimonianze sul fatto che sia stato avvistato a Bogota e moltissimo altro ancora.

In uno dei documenti collezionati all’interno del file, addirittura, si ipotizza la venuta di Hitler in Trentino Alto Adige, proprio da noi in Italia, e se ne stila un possibile volto “after fine della guerra”.

Screenshot di una pagina del documento sul sito dell'FBI

Screenshot di una pagina del documento sul sito dell’FBI

Non essendoci nulla di concreto che faccia puntare verso una direzione o l’altra, comunque, a parte qualche analisi, una teoria non verificabile e qualche pezzo di giornale, non c’è nessuna verità da svelare (?). Ma il fatto che Hitler fosse un uomo così potente, influente, abile manipolatore e pieno di sè di certo lascia qualche dubbio sul fatto che possa essersi suicidato, semplicemente, nel suo bunker per non essere “preso”.

Naturalmente, come spesso avviene per tante cose, sui libri di storia, comunque, la versione ufficiale rimane una ed unica, almeno per adesso.

Riporto l’interessante articolo di cui vi parlavo prima per intero.

Documenti declassificati dell’FBI sostengono che Hitler scappò in Argentina

 

Alcuni documenti dell’FBI recentemente declassificati dimostrano che il governo americano era a conoscenza che Adolf Hitler scappò dal bunker di Berlino e che questi fosse vivo e vegeto, e che viveva nelle Ande dopo la seconda guerra mondiale. La storia ci dice che il 30 aprile 1945 Adolf Hitler si suicidò nel suo bunker sotterraneo, il suo corpo fu poi identificato dai sovietici e riconosciuto dalle arcate dentarie (il cadavere era parzialmente carbonizzato) per poi essere seppellito insieme alla moglie, Eva Braun. I suoi resti furono seppelliti a Magdeburgo e successivamente riesumati nel 1970, quando furono completamente bruciati e buttati nel fiume Elba. Fin qui la storia che tutti noi conosciamo.

I documenti recentemente pubblicati dall’Intelligence statunitense ci raccontano un’altra versione dei fatti. Hitler ed Eva Braun furono aiutati nella fuga dal responsabile dell’OSS Allen Dulles, che li fece imbarcare su due sottomarini diretti in Argentina. I due insieme ad “Alti ufficiali Tedeschi” raggiunsero poi i piedi delle Ande, dove vissero in una casa costruita apposta per loro. Le informazioni provengono da un informatore (rimasto anonimo) che scambiò l’asilo politico con queste importantissime rivelazioni.

 Alla luce di questi nuovi documenti le rivelazioni dell’architetto Alejandro Bustillo vengono ora viste in un’ottica completamente differente: egli asserì di aver realizzato una splendida villa in stile bavarese ai piedi delle Ande proprio per ospitare la coppia tedesca, che lì viveva in totale pace e armonia.

Il governo argentino accolse non solo l’ex dittatore tedesco, ma lo aiutò nella sua sparizione. L’informatore diede indicazioni riguardo i villaggi che visitò Hitler, e disse di aver visto con i suoi occhi anche lo sbarco al porto Argentino. L’addetto navale statunitense in Argentina testimoniò (allora, nel 1945) inoltre di aver visto due sottomarini tedeschi approdare nel paese sudamericano, e che nel secondo con ogni probabilità erano presenti Eva Braun e Adolf Hitler.

Assume anche una prospettiva di verità la prova del DNA condotta da Nicholas Bellatoni nel 2009, che verificò che i resti (un pezzo di cranio) in possesso ai russi non erano in nessun modo appartenuti ad Hitler (fonte: The Guardian).

 

Voi che ne pensate?

Veg* is the new Testimone di Geova?

_by_rudi_image_vegetarian

Nel mondo sono sempre di più le persone che cambiano la propria alimentazione, virando verso scelte vegetariane, vegane o semplicemente più eco-compatibili, oltre che coscienza-compatibili (le ultime stime Eurispes parlano di 1600 al giorno!).

Internet ha sicuramente un ruolo importante nella faccenda, un aforisma di Tolstoj recita: “Se i macelli avessero le pareti di vetro saremmo tutti vegetariani” e, in gran parte, è vero.

Ma non dimentichiamo che al tempo di Tolstoj, come di Leonardo Da Vinci e altri personaggi storici vegetariani, internet non esisteva e tutto si basava soltanto sulla sensibilità personale.

Fare una scelta del genere a quei tempi, quando non era di moda, era ancora più difficile.

Mi viene anche male, quindi, lamentarmi di quando oltre 15 anni fa, quando io ho smesso di mangiare carne, venivo vista come una specie di alieno sceso in terra, un alieno “erbivoro” più che vegetariano. Andare a mangiare da un’amica e trovarmi davanti un’insalatina era la norma. Ma torniamo a noi.

Ai tempi di Da Vinci, però c’è da dire, non esistevano nemmeno gli allevamenti intensivi in cui oggi sono rinchiusi gli animali, vivendo come se fossero macchine attaccate alla corrente con il tasto ON perennemente acceso. Una barbarie.

Degenerazioni che diventano legali che di umano hanno molto poco.

I maltrattamenti degli animali sono aumentati, esistono video di pulcini maschi (inefficienti a deporre uova) tritati vivi, agnelli sgozzati a sangue freddo, mucche prese a calci, becchi di galline tranciati per evitare litigi nei pollai e quant’altro.

Sebbene quello che gira in rete sia sempre da verificare e non tutto quello che viene proposto in una certa “salsa” sia vero al 100% (spesso filmati di maltrattamenti non provengono da allevamenti intensivi, ad esempio, ma vengono etichettati come tali e viralizzati, e questo succede in moltissimi altri ambiti), è facile immaginare che chi faccia questo mestiere non abbia una empatia condivisa con questi animali, per cui è plausibile che li tratti in una certa maniera.

La questione però che ne nasce è piuttosto complicata perchè non tutti quelli che abbracciano una dieta veg* lo fanno per etica; sono in tanti, anche personaggi famosi (vedi Di Caprio), a fare questa scelta per salute.

Dopo le dichiarazioni controverse dell’OMS sulla carne rossa, i dibattiti sull’OGM e gli ormoni e gli antibiotici somministrati agli animali d’allevamento, dopo l’apertura al pubblico di tutte le fasce dei macelli attraverso le videocamere, non è stata solo la coscienza di moltissimi a vacillare, ma ha preso piede anche la sensazione che ci si stesse nutrendo con alimenti contaminati o nocivi.

Tutto questo ha portato l’umanità a sfrangiarsi in una serie di scelte alimentari differenti che oggi, però, rischiano di diventare un teatro del tragi-comico.
La questione è che sono tutti alla ricerca della coerenza. Per i vegani un vegetariano è incoerente, perchè mangia il caglio, anche se magari le loro coerenze poi hanno falle in altri ambiti (ci sono vegani che lavorano la pelle, altri che promuovono adozioni assolutamente improbabili per animali da compagnia e quant’altro); ma il vegano è visto allo stesso modo da un fruttariano, e così via; la spirale delle sfumature contiene moltissimi diverbi che spesso si accendono a tavola o nelle conversazioni online. Gli unici a sembrare coerenti, spesso, “rischiano” di essere proprio gli onnivori, che non facendo scelte alimentari drastiche ricevono più clemenza nel momento in cui si dimostrano “diversamente sensibili”. Come se da loro non ci si possa aspettar nulla. Ma quando si preoccupano dell’ambiente attraverso accorgimenti meno drastici questo tipo di scelte viene condannato ugualmente (della serie “che vuol dire che mangi poca carne? Quando il maiale muore mica muore un poco?” e roba così).

La veemenza con cui molti veg* si propongono agli altri viene avvertita come intrusiva e fastidiosa, come fossero nuovi Testimoni di Geova che bussano ai campanelli di casa, convinti di possedere la verità assoluta.

In realtà la coerenza al 100% non esiste, per niente e nessuno, ognuno fa quello che sente; d’altro canto anche la coltivazione dei vegetali è contaminata, per cui non sta in piedi nemmeno l’aspetto salutista.

Nessuno ha la percezione totale di quello che accade intorno, magari il fruttivendolo a cui un veg* si affida picchia la moglie o violenta le sue capre.

Il fanatismo è la radice di moltissimi diverbi inutili. Talvolta persino dannosi.

E basta guardare il fanatismo e il fondamentalismo religioso a cosa portano per farsi un’idea.

Anzi, da qualche parte ho letto addirittura che, viste le premesse attuali, questo tipo di alimentazione, quando suffragato da un certo modus operandi, dovrebbe essere etichettato proprio come un nuovo culto religioso perchè ne ha tutte le caratteristiche.

Sinceramente ho avuto anche io le mie fasi “fondamentaliste” ai tempi dell’adolescenza, ma poi ho capito che la diversità è la chiave di lettura del mondo. Non può esistere nessuna omologazione totale dell’umanità perchè siamo tutti diversi e multisfaccettati. D’altro canto la dialettica esiste solo come risultato delle differenze. Senza differenze non c’è dialettica e senza dialettica c’è il piattume.

Fermo restando che, ovviamente, non sponsorizzo nè l’uccisione degli animali nè, soprattutto, gli allevamenti intensivi e le barbarie di cui si sta macchiando l’essere (dis)umano, credo che ognuno di noi dovrebbe fare uno sforzo per sentirsi parte integrante di una totalità fatta di differenze.

Non tollero nè i veg* rompicoglioni nè gli haters dei veg* che postano in giro sui social network roba volutamente offensiva o provocatoria o si comportano in maniera antipatica direttamente “live”.

Di certo il consumo e la richiesta di carne è eccessivo e di certo le condizioni di vita di queste povere bestie andrebbero riviste.

E’ il sistema che è malato e orribile da dover accettare. E questo in tutti i campi, non solo quello che riguarda gli animali. Persino le persone oramai vengono trattate e considerate come numeri. Il consumismo che è alla base delle nostre vite, dal singolo cittadino al più importante capo d’azienda multinazionale, ha fatto sparire una serie di meccanismi sani e, soprattutto, l’umanità stessa dalla razza umana.

Di Battista, questo strano fenomeno sociale (?)

Non sono mai stata una che si interessa di politica. Non mi interessa, non mi piace, non mi stimola perchè credo a molto poco di quello che vedo e sento.

Ma il fenomeno del Movimento Cinque Stelle mi incuriosisce, molto.

Soprattutto quello del “Dibba“.

Alessandro Di Battista, classe ’78, un bel ragazzo attualmente noto per il suo impegno politico insieme a Beppe Grillo e ai Cinquestelle, che meno di dieci anni fa tentava di sfondare nel mondo dello spettacolo con performance che hanno fatto chiacchierare i mass media. Così tanto da averne eliminato le tracce.

Figlio di un consigliere comunale del Movimento Sociale Italiano, il giovane Dibba si diploma con 46/60 al liceo scientifico e si laurea al DAMS.

Viaggia moltissimo, occupandosi di terre come Guatemala, Congo,Sud America collaborando con enti del calibro di UNESCO e Caritas. Ha persino scritto un libro, nel 2010.

Nel 2008, intanto, si candida nella lista “Amici di Beppe Grillo” alle elezioni comunali nella capitale e nel 2011 comincia a collaborare con il rispettivo blog. Entra poi nel Movimento Cinque Stelle, diventando il personaggio che tutti conosciamo: un ragazzo dalla faccia pulita che parla di politica agli italiani attraverso la telecamera dello smartphone.

Che possa piacere o no, apparire naturale o meno, Di Battista è sempre sulla cresta dell’onda, mai ignorato ma tutt’al più osannato o criticato, come ogni personaggio di rilievo che si rispetti.
Oggi gli italiani sembrano divisi in due classi politiche: non Destra e Sinistra, ma chi vota Grillo e chi no.

In moltissimi si sono lasciati trascinare dal carattere impulsivo e senza filtri di Grillo e dalle persone che ha messo a capo del partito, una stima che ha portato voti che a loro volta hanno inserito parecchi consiglieri comunali e sindaci nelle nostre città.

Ma è nel divenire che si può dare un giudizio concreto alle novità: un’organizzazione fatta di uomini può avere qualche falla o può contaminarsi di persone in mala fede.

Sono successe così, nel corso del tempo, moltissime cose all’interno del Movimento, ma su Alessandro Di Battista nessuno aveva detto una parola, o quasi.

L’anno scorso Franco Bechis, vicedirettore di Libero, scavando nel passato del giovane parlamentare trovò parecchie perle che condivise con il pubblico italiano: nel periodo in cui era in Sud America, Di Battista intratteneva i Youtubers con una rubrica chiamata Aspassoparola, di cui fino a qualche tempo fa si riusciva a reperire online l’intera collezione video. Oggi risultano tutti rimossi.

È uscito fuori anche che ha cercato di entrare ad Amici di Maria De Filippi senza successo, il tutto confermato da una dichiarazione dello stesso giovane politico fatta a “L’aria che tira”.
Un’altra asserzione controversa e dibattuta apparve sul Blog di Grillo: “Dovremmo smetterla di considerare il terrorista un soggetto disumano con il quale nemmeno intavolare una discussione.(…) Nell’era dei droni e del totale squilibrio degli armamenti il terrorismo, purtroppo, è la sola arma violenta rimasta a chi si ribella. È triste ma è una realtà. Se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato a distanza io ho una sola strada per difendermi a parte le tecniche nonviolente che sono le migliori: caricarmi di esplosivo e farmi saltare in aria in una metropolitana. Non sto né giustificando né approvando, lungi da me. Sto provando a capire. Per la sua natura di soggetto che risponde ad un’azione violenta subita il terrorista non lo sconfiggi mandando più droni, ma elevandolo ad interlocutore”. Chiarì in seguito che non si riferiva all’ISIS ma ad Hamas.

Nel 2015 è stato citato dal New York Times come vincitore della classifica delle bugie più grandi del 2014. Ad una manifestazione infatti, rispondendo al Ministro della Salute Lorenzin che aveva definito la Nigeria un “paese tranquillo”, aveva detto: “il 60% è in mano agli estremisti islamici di Boko Haram, il resto del paese è in mano ad Ebola”. Tesi smontata dal NYT: la Nigeria, infatti, era Ebola-Free alla fine del 2014.

La questione è: quanto è differente questa situazione da quella delle soubrette tanto chiacchierate che ottengono cariche ministeriali?

Il fidanzato che ti lascia ma non ti lascia

Ultimamente mi capita sempre più spesso di essere testimone di questo tipo di storie, ma da quando l’ho vissuta sulla mia pelle mi è tutto così chiaro che mi fa quasi ridere.

Per non dire tenerezza.

Per non dire tristezza.

Per non dire pena.

Due ragazzi si innamorano, cominciano una relazione, stanno insieme tanti anni. Lui conosce la famiglia di lei, lei quella di lui, gli amici diventano amici di entrambi e tutto funziona alla grande finchè uno dei due, generalmente, in questi casi, l’uomo, decide per qualche motivo di troncare.

I motivi possono essere tanti ma alla fine riconducono ad un’unica spiegazione: non è più innamorato.

Ora poco importa se non è più innamorato perchè deve pensare prima alla carriera, e cambia quindi le priorità, se non è più innamorato perchè lei non si depila più le ascelle e si trascura o se perchè avverte l’incontinente bisogno di trombarsi a sangue la nuova segretaria dell’ufficio. Qualunque sia il motivo la spiegazione è unica e sola.

Ma a questo punto può accadere qualcosa che cambierà per sempre le vite dei nostri protagonisti.

Lei comincerà, incredula, a farsi milioni di pippe mentali mentre contemporaneamente verserà lacrime amare in quantità industriale creando un sistema di nuovi fiumiciattoli e ruscelli tutto intorno.

Lui a quel punto comincerà a sentirsi ancora più una merda di quanto già si sentisse perchè lasciava il suo amore degli ultimi anni per le tette della segretaria o quel che era.

A quel punto in alcuni uomini scatta qualcosa dentro, una specie di senso di colpa estremo per il quale da carnefici si trasformano in consolatori, finendo per diventare i consolatori delle donne che loro stessi hanno lasciato! Una cosa folle.

Cominciano a blaterale che “non è come pensi“, che non è mancanza d’amore ma solo voglia di una pausa per ritrovare se stessi, per capire cosa si vuole dalla vita, per affermarsi e districarsi nel cattivo mondo del lavoro di oggi e blablablabla.

A quel punto le donne cominceranno a calmarsi: vedranno una possibilità, una luce in fondo al tunnel, la salvezza per la propria autostima e per la loro storia d’amore.

A volte noi donne ci facciamo sceme da sole, credendo a quello che facciamo in modo che ci venga detto. Atroce.

“Ah ma allora non è che non mi ama, è solo che deve affermarsi, che non si sente un uomo realizzato blablabla”.

Mentre la donna pensa tutto questo molto probabilmente l’organo genitale dei loro “amori” sta già visitando nuovi antri e nuove caverne.

Ma loro saranno bravissimi a nasconderlo, anzi.

Il fatto che lui&lei non sono più coppia non è nemmeno di dominio pubblico.

Lei, che crede di avere ancora una chance, non reputa utile dirlo, e lui che non vuole ferire lei farà altrettanto, rimarrà in silenzio, ma rivelerà solo alle sue prede nelle chat private e nei messaggi sul cellulare che è “single da poco, ma non ne fa pubblicità per non far soffrire la sua ex”.

E così passa il tempo, lui&lei continuano a sentirsi al telefono, a commentarsi pubblicamente su facebook, ad andare a mangiare sushi il giovedi.

I genitori capiranno poco, gli amici meno e le possibili amanti/new entry di lui ancora meno.

Non è chiaro statisticamente quante di queste coppie scoppiate continuino anche a scambiarsi effusioni e liquidi corporei, ma in molti casi questo avviene, ma senza impegno perchè “in realtà ci siamo lasciati“.

Un limbo senza fine.

La fine probabilmente arriverà quando lei scoprirà qualche intrallazzo di lui o quando qualcuno di questi intrallazzi vorrà qualcosa in più e lui non potrà darglielo.

Il fidanzato che ti lascia ma non ti lascia probabilmente vorrebbe dominare i suoi sensi di colpa, consolare e fare qualcosa di buono che cancelli quello che di cattivo ha già deciso, in realtà (lasciarsi), diventando contemporaneamente consolatore e carnefice. Una cosa impossibile quanto dannosa.

Donne, è arrivato l’arrotino!

No, scusate, volevo dire, DONNE, consolatevi da sole o con un bel meccanico sudato e sporco di grasso, ma non lasciate che succedano queste cose: state tranquille, nel momento esatto in cui un uomo vi lascia sa già dove infilare il proprio membro o sogna già dove farlo, nonostante tutte le carinerie che vi potrà dire e le (finte) delicatezze che potrà avere.

Se vi lascia e va a farsi i cazzi suoi non dategli la possibilità pure di riscattarsi al momento, anche dicendogli magari “ti aspetterò per sempre“, perchè il per sempre è lungo, e magari nel frattempo il meccanico si fa una doccia e scoprite che è ancora più carino!

Per le aspiranti nuove donne degli uomini che hanno lasciato ma non hanno lasciato invece dico:  evitateli come la peste bubbonica complicata da una polmonite virale. Non c’è da ricavarci nulla di buono. Diventate amiche delle loro vittime e uscite a bere una birra insieme, è meglio!

Giovanna d’Arco mi fa na pippa

Lo so, lo so, manco da moltissimo tempo, ma sono troppo incasinata e impegnata a scrivere altrove, e di altre cose, e così qui ci passo sempre meno tempo.

E mi dispiace, ma in fondo è giusto che sia così, le cose evolvono continuamente e sperare che tutto rimanga fermo e immobile è come sperare di non vivere, di non muoversi. Va bene così.

Ho riletto l’ultimo post che ho scritto e, cazzo, ancora una volta mi ritrovo in una situazione simile, per la quale scriverei probabilmente le stesse cose.

Non c’è mai un buon motivo per  comportarsi male.

E’ questo il succo.

Ma siccome non siamo infallibili può capitarci di farlo. Eh ok, anche a questo ci arrivo.

Ma una cosa a cui proprio non arrivo è quello che spesso succede dopo, e cioè il FOTTERSENE ALLEGRAMENTE, o addirittura fare gli gnorri.

C’è una scuola, un corso, un training, un dottorato che si fa per diventare così o ci si nasce?

Errare è umano, ok, e si dice anche che conosci veramente una persona nel momento in cui ci litighi, ok, ma anche ammesso e non concesso che si litighi e che ci si dica cose orribili, come si può sperare che queste non intacchino poi il rapporto in futuro?

Come si può solo minimamente pensare di essere nella ragione quando si sfora con la boccuccia?
Come si può MINIMAMENTE pensare di mantenere un punto sulla base di merdate che sono fuoriuscite tipo diarrea dalle nostre fauci?

C’è qualcosa che non mi torna.

Sicuramente la mia propensione a parlare in faccia senza veli e a dire sempre quello che penso in alcuni casi può diventare un difetto, e vedo che crea problemi a molte persone.

Ma allora, mi domando, è meglio interagire con gli ipocriti?

Con chi ti sorride davanti e poi ti fa una merda appena giri le spalle con i tuoi amici più cari, magari?

Perchè la gente è spaventata dalla verità?

L’unica cosa che mi viene da pensare è che la gente non è abituata a confrontarsi con la verità.

E’ abituata alle bugie, alle ipocrisie, è abituata a mentire lei stessa e a fare l’ipocrita, e una conversazione vera e senza filtri non riesce a sostenerla.

Così, diventa aggressiva, sentenziante, indisponente, cattiva. La lingua si affila. E si finisce sul personale quando invece, magari, si discuteva di tutt’altro.

Con la conclusione che IO sarei aggressiva, che IO voglio sentirmi migliore e quindi organizzo stratagemmi mentali, che IO blablabla.

Facile no? Attaccare, ricevere un pugno e poi dire “Ahia mi hai fatto male stronza!”.

Su questo io non transigerò più.

Non è importante chiedere scusa a parole, ma già le azioni parlano di per sè.

E se qualcuno sbaglia e se ne fotte di averlo fatto, per me può anche morire dando per scontato che magari questo suo errore debba venir “perdonato” perchè io ora non perdono più nessuno che si permetta di ferirmi, soprattutto se di proposito. E se anche non è di proposito tanto meglio, in vino veritas, in incazzatura pure evidentemente.

Finchè nessuno fa capire di aver sbagliato l’unica cosa che lascia intendere è di essere sicuro di essere nel giusto, e tanto mi basta.

Un Augurio Speciale

Un Augurio Speciale di Buon Anno a quel grandissimo coglione che non molto tempo fa ci ha provato con me in maniera anche piuttosto schietta ed alle mie parole “scusa ma non sei fidanzato?” mi rispose “sì ma lei mi tratta male, forse mi tradisce pure, sono infelice“.

Un Augurio Speciale a te, sì proprio a te, che esattamente in quello stesso periodo stavi inseminando invece la tua fidanzata in maniera così ottima che ora diventerai papà.

Non che ci sarei stata, mi chiedesti “se fossi stato single mi avresti dato una chance?” e io con candore ti risposi qualcosa che aveva a che fare con una specie di “No“, perchè non ci sarei stata manco se fossimo stati catapultati su un’isola deserta e dopo uno tsunami mondiale fossimo stati gli unici responsabili di un ripopolamento della Terra.

Ma lo squallore dell’essere umano maschile a volte riesce a toccare vette inesplorate, come dire, come se la vetta del K2 fosse ancora più in alta di quella reale, e tutti lo ignorassero.

A questo punto se le tue parole erano vere, cara la mia #poveravittimadiunadonnaarcignaemalefica, mi auguro che quello che la tua compagna porta in grembo non sia nemmeno tuo figlio, ma siccome sono sicura che invece è così, ti dico solo che non ti sputtano perchè mi fai pena, e perchè di uomini come te il mondo è pieno (e mi scuso per aver usato la parola “uomini” offendendo quelli che si salvano della categoria).

Ti auguro veramente di continuare così,

La prossima volta che mi contatterai potrai sempre dirmi che sei infelice perchè hai scoperto che in realtà quello non è tuo figlio ma il diretto discendente di Satana e che la tua compagna ti tradisce direttamente con lui, teletrasportandosi negli Inferi una domenica sì e una domenica no tramite proiezione astrale.

Ciao eh.

Il traffico degli animali e i falsi volontari

Da leggere e condividere…

A volte ci sono realtà che nemmeno sogneremmo nei nostri peggiori incubi..

 

Cliccate qui.

Buonanotte…

The Ciucia Power

ciucia power

Luomoprimadellaciucia è un elemento fondamentale della società: romantico, pieno di complimenti da elargire che fioccano dalla bocca come rossi petali di una rosa infinita, gentilezza e cavalleria, sogni e promesse di un futuro radioso e di sentimenti mai provati prima… un sogno ad occhi aperti.
Quando poi, invece, gli occhi si chiudono, si trasforma nell’essere più immondo che la Terra possa ospitare (quasi sempre): luomodopolaciucia.

Luomodopolaciucia è strafottente, egoista, assente, puntiglioso; il suo gioco preferito è tenere la preda sulle spine per farle credere (ma in realtà non lo sa manco lui, e non sono rari i casi in cui nessuno se lo caga di striscio o è lui a rincorrere le gonnelle delle donzelle impegnate a fare altro) che come lei ce ne sono centomila altre pronte a pendere dalle sue labbra (e dai suoi attributi). E’ l’incubo che nessuna dovrebbe fare, l’aspettativa che tutte hanno ma sperano di non realizzare, la speranza fallita che “questa volta sarà diverso”.


“The Ciucia Power” trasforma esseri adorabili in diavoli ributtanti!
Donne, giovanette, ragazze, sentite a me, ASTIPATAVELL!

Accettare non vuol dire usare l’accetta

Puntare il dito

 

Stanotte ho dormito abbastanza per cui mi posso permettere di scrivere un post alle 4 di mattina, anche perchè checcazz, siamo ad Agosto (anche se il mio corpo fatica ad accorgersi che sarebbe un mese di vacanza… vacanza?! E cos’è na cosa che si magna?).

 

Non è una cosa che faccio più spesso, ma stasera ho partecipato a una conversazione con dei non-ben-precisati haters sul mondo del vegetarianesimo e veganesimo, che in quanto haters giustamente credevano di sapere tutto, di poter offendere un po’ come gli veniva, e di possedere (come tutti gli haters) la verità tra le loro preziosissime dita che non avevano altro da fare oltre a dover lasciare commentini deficienti e disinformati sotto una (simpatica) vignetta a tema di un amico comune (che era l’unica cosa che avevamo in comune, a quanto pare).

Questa(non)partecipazione (perchè si sa, a parlare col muro si richia di essere più ascoltati che da certi muli impalati nel terreno, senza offesa per i muli che sono creature tenerissime e anche intelligenti) mi ha fatto però cogliere delle importanti conclusioni e cioè:

– internet è il rifugio di troppi nullafacenti

– certa gente va “contro” giusto per il gusto di andarci, per impostare una guerra, per darsi un tono e una personalità che non hanno

– devo smetterla di sprecare tempo: a parlare con i cretini mi sento io cretina

le persone hanno paura del “diverso”, qualunque cosa il diverso rappresenti… ma finiscono così per assomigliargli allo specchio, all’opposto.

 

———————————————- okok lo ammetto, mi sono addormentata, riprendo stamattina 🙂

Dunque, dicevo, tra i vari aspetti elencati quassù quello che secondo me vale la pena analizzare è l’ultimo…

 

Diverso in questa società omologata e omologante può essere qualsiasi cosa diversa da sè: diverso per un etero è un omosessuale e per un omosessuale è un etero. Per cui gli etero cominciano una battaglia informativa per dire che l’omosessualità è sbagliata, e di contro gli omosessuali si buttano nelle piazze a fare casino con i gay-pride. (Per inciso, io non approvo nessuna delle due forme di “protesta” perchè credo non ci sia nessuna protesta da fare, entrambe le parti si fanno portavoce di una “diversità” che non unisce ma crea fazioni)

 

Diverso in questa società omologata e omologante può essere qualsiasi cosa diversa da sè: diverso per un onnivoro è un vegetariano/vegano, e per un vegetariano/vegano e l’onnivoro. Per cui l’onnivoro passerà il tempo a trovare elementi che rendano giusta e plausibile la sua alimentazione, e di contro i vegetariani/vegani faranno lo stesso, attaccando gli onnivori nella stessa maniera in cui si sentono attaccati da loro, andando ad analizzare persino le puzzette delle vacche per trovare motivazioni a loro sostegno. Di contro, gli onnivori diranno che “da sempre, dall’età della pietra, l’uomo mangia carne”. E allora io dico semplicemente: andate a vivere nelle caverne, senza acqua/luce/gas/comfort, mettetevi na clava in mano e na pelliccia addosso e andatevi a procurare il cibo da soli, perchè l’uomo ai tempi della pietra così faceva.

 

Diverso in questa società omologata e omologante può essere qualsiasi cosa diversa da sè: diverso per chi vive in città è chi vive in periferia, che seppure ha dei vantaggi enormi, tipo vicinanza del mare, terra e spazi verdi a gogo, case e ville da paura a prezzi economici, “vive in un posto dimenticato da Dio, meglio un buco in città che una reggia fuori città” (senza rendersi conto che poi spendono i soldi per andare in vacanza…. fuori città! Che barzelletta), e al contrario diverso per chi vive fuori città è chi vive in pieno centro cittadino, per cui, come nei casi precedenti, ognuno tenterà di tirare acqua al suo mulino con questa, quella o quell’altra tesi o teoria.

Diverso in questa società omologata e omologante può essere qualsiasi cosa diversa da sè: diverso per chi utilizza medicinali come caramelle è chi si cura il più possibile con l’omeopatia e le cure erboristiche, per cui passerà la vita a denigrare questo tipo di risoluzioni alternative tacciandole come “inutili placebo”, e viceversa, chi usa soltanto medicinali omeopatici passerà la vita a rompere le balle a chi utilizza la medicina classica, definendoli avvelenatori di se stessi.

Potrei continuare fino a domani mattina, smettere, e riprendere ancora.

 

La questione è semplice.

Perchè queste continue guerre, questi continui accanimenti che a volte sfociano nei litigi e nelle discussioni più accese, o peggio, in dibattiti sterili dove ci si offende solo a vicenda, magari con offese vere e proprie o facili sarcasmi?

Perchè sprecare il tempo, che si sa, è unico e non è restituibile, per diffondere questo tipo di messaggi, diciamo, “dell’ANTI”?

La risposta non è difficile da dare: perchè probabilmente nel momento stesso in cui critichiamo e denigriamo qualcosa è perchè mina le nostre stesse convinzioni, e chi dobbiamo convincere delle nostre stesse teorie siamo in primis noi stessi!

L’esistenza di teorie altrettanto valide alternative mette in crisi probabilmente il nostro ego, o semplicemente ci fa sentire a disagio per cui è più facile denigrare e offendere altre idee e pensieri, di modo da darci un tono e rimanere quindi convinti delle nostre cose, immobili, sul piedistallo della Verità Assoluta che crediamo di possedere.

E se non fosse così?

E se non esistesse UNA SOLA Verità Assoluta?

E se semplicemente l’unica cosa reale e vera è che al mondo esiste IL TUTTO e semplicemente basterebbe accettare questa multisfaccettatura dell’esistenza?

Non è che al mondo dobbiamo diventare tutti vegetariani o tutti omosessuali o tutti dobbiamo svuotare le città e le farmacie, semplicemente c’è chi preferisce trasferirsi fuori città, o ci è costretto, e chi preferisce rimanere nei centri cittadini, c’è chi ha attrazione per l’altro sesso e chi per lo stesso sesso, addirittura c’è chi è attratto da entrambi, e si ricade poi in altre sfaccettature ancora, c’è chi viene attratto dai magri, chi dai grassi, chi dai piedi, chi dalle mani, chi dalle orecchie, fino a sfociare poi in chi è leale con il proprio partner e chi preferisce invece andare anche con altri, c’è chi fa gli scambi di coppia, chi pratica il sadomaso, chi invece ama starsene tranquillo con il suo partner a farsi le coccole.. c’è chi (purtroppo) è attratto dai bambini, c’è chi fa sesso con gli animali… Quello è il vero problema, quando le proprie inclinazioni fanno danno agli altri che non sono consenzienti. Per il resto tutto è lecito fin quando c’è consenso e rispetto reciproco.

C’è chi ha abolito la medicina classica per se stesso e preferisce le cure più lunghe e costose date dall’omeopatia, c’è chi è estremo e manco in ospedale prende medicinali classici, e chi invece è più moderato, e fa un uso a metà tra le due scuole di pensiero, c’è chi come punto di riferimento ha un medico generico e chi invece paga un medico privato, magari omeopatico, per avere un altro tipo di pareri…

 

Perchè questa voglia di diffamare chi la pensa diversamente?
Perchè questa presunzione a possedimento della verità assoluta?
Perchè intavolare queste guerre cretine quando invece si potrebbe tranquillamente coesistere tutti quanti nel rispetto degli altri? (Finchè, appunto, non fanno torto a nessuno).

 

E’ facile criticare, o sparlare alle spalle della gente, più difficile è tentare di evitare l’omologazione e unirsi nella diversità.

Fa così paura la diversità?
E se la diversità non esistesse e esistessero solo differenze?

E’ ora che evolviamo un po’ altrimenti chi ci guarda da lassù (tipo gli alieni :D) penserà che siamo una razza da estinguere, degli emeriti imbecilli!

Selfami questa minchia

Selfie Gioconda

 

Questa cosa dei selfie mi perplime abbastanza.

In realtà mi perplime tutta la parte del social network che diventa, attraverso smartphone e pc o tablet, l’estensione naturale della mano dell’uomo.

Gente che se anche ha avuto un po’ di cagarella deve correre a scriverlo su twitter o su facebook, magari corredando il tutto con una foto modificata su Instagram con tutte le luci e le vivacità di colori del caso. Gente che scrive di avere la diarrea nel momento esatto in cui la caccia via dal c…orpo.

Questa condivisione esagerata ed esasperata mi fa tenerezza, per non dire quasi paura.

Gente che in qualunque momento della giornata pubblica selfie di varia natura:

  • selfie nel cesso
  • selfie a scuola
  • selfie in palestra
  • selfie in intimo
  • selfie sexy
  • selfie col pigiama
  • selfie durante una cena con gli amici
  • selfie durante una (finta) giornata felice con il/la fidanzato/a
  • selfie dal medico
  • selfie sula spiaggia
  • selfie in macchina (e c’è chi ci ha appizzato anche la vita!)

e potrei continuare all’infinito fin quando le dita non mi cedono.

Non riesco a capire l’utilità di un uso così ossessivo di facebook o del selfie.

“Prima dell’esame” – “Subito dopo l’esame” con tanto di autocommento sotto e in pochi secondi i “mi piace” degli amici che sono nella sua stessa stanza accanto a lui!
Il che mi fa pensare a tutta gente che sta nella stessa stanza con gli occhi abbassati sui display dei loro fantastici dispositivi tecnologici senza guardarsi in faccia manco per scattarsi il selfie perchè lì si sta vicini ma non faccia a faccia!

Mi fa rabbrividire tutto ciò.

Il fatto che qualunque cosa si faccia il primo pensiero è: “devo schiattare un selfie su facebook così tutti possono invidiarmi” mi fa capire due cose:

– c’è molta tristezza nelle persone

– i social network ormai scandiscono le nostre vite e interferiscono con i nostri ritmi e pensieri quanto forse nemmeno possiamo capire o immaginare

 

Ho letto tempo fa un articolo in cui si riportava uno studio fatto se non erro in North Carolina, dove si è dimostrato che i social network creano dipendenza poichè ad ogni “Like” si genera in noi una scarica di dopamina minuscola che però a lungo andare può creare una situazione per la quale non possiamo fare a meno di desiderarla: la sensazione di benessere, approvazione, lusinghiera nel momento in cui riceviamo uno o tanti “Like” è così forte che cominciamo a dipendere da essa, e con noi il nostro umore.

Per cui se postiamo una foto o una frase e vediamo che non riscuote successo cominciamo ad andare in crisi. I social network infatti a detta degli studiosi, in soggetti predisposti, oltre che dipendenza possono creare anche le basi per la depressione. Nun ce vo’ a zingara per capire che processo ci sia dietro.

 

Per carità, ho avuto anche io i miei momenti da “mifotografoancheipelidelnaso“, ma più che altro erano legati a periodi particolari della mia vita o alla novità che ha rappresentato per me il social network nel momento in cui l’ho fatto entrare nella mia vita (molto tardi rispetto agli altri, per cui l’ho scoperto anni dopo e le mie reazioni sono state a “scoppio ritardato”).

Personalmente oggi l’uso che faccio dei Social Network è molto diminuito e cambiato, lo uso per sponsorizzare le mie attività, quando mi capita di avere un po’ di tempo a disposizione per cazzeggiare o chiacchierare con qualcuno, o mantenermici in contatto, ma più che altro li consulto per essere aggiornata su notizie ed eventi e per non perdermi le novità… sono diventata più osservatrice che utente attiva quotidianamente.

Lo strumento che preferisco usare è Instagram perchè è discreto, intelligente, poco invasivo e se usato con oculatezza può diventare anche qualcosa di molto bello nel tempo, uno streaming di foto che racconta con poesia la nostra vita.

Ma questa mania di selfarsi al primo cambio di abbigliamento o di condividere tutto quello che si ha per la testa o che succede attraverso internet per me è una malattia da cui guarire, di modo da ritrovare il tempo perduto e utilizzarlo per vivere la vita reale…