I genitori: questi (s)conosciuti


Un altro ruolo di questa società è quello condiviso dai genitori.

Genitori —> Generano la vita

Tutte le famiglie felici si assomigliano fra loro, ogni famiglia infelice è infelice a suo modo (Tolstoj)

Si dice che sia facile diventare genitori ma non altrettanto facile esserlo.

Ed è proprio così.

Ognuno di noi ha cammini personali, traumi e ricordi positivi, ricordi nascosti sotto la sabbia, quasi dimenticati, episodi che ci hanno formato, e siamo sicuramente il risultato delle nostre esperienze e delle nostre vite, miscelato alla nostra indole, natura e forze e debolezze.

Il figlio di due serial killer può diventare alternativamente un altro serial killer o, di riflesso, Gandhi. Chi può dirlo.

Ma la specie peggiore, secondo me, a parte quella degli ipocriti, è quella di chi, credendo di fare bene, fa male, molto male.

Per alcuni il “fare bene” è solo un alibi da dire ad alta voce per poter poggiare la notte la testa sul cuscino (e non saprei dire nemmeno se ci riescono davvero… nei casi peggiori SI). Per altri “fare bene” è un’intenzione reale, non supportata però da una sufficiente obiettività e forza d’animo, quella che consente di pronunciare qualche “NO” per esempio, anche alle persone a cui non si riusce a dirlo.

Tutto questo può avere una certa valenza quando si parla di amici, conoscenti o partner.

Persone con cui bene o male possiamo scegliere SE avere una relazione e di che tipo.

Ma con i genitori tutto è diverso.

Sono l’ambiente nel quale cresciamo, ci formiamo; sono le prime voci che sentiamo quando i nostri corpicini minuscoli si formano nel ventre materno, sono le prime persone con cui interagiremo e le uniche con cui avremo strettamente a che fare per i primi anni di vita.

Saranno i nostri confidenti, antagonisti, aiutanti, il nostro nucleo, la nostra famiglia… non possiamo scegliere SE avere una relazione con loro perchè la relazione con loro ESISTE A PRESCINDERE DA TUTTO, perchè portiamo i loro geni in corpo.

Non basta smettere di parlarsi per smettere di essere figli o per smettere di essere genitori.

E’ una carica “a vita”.

Eppure molti genitori non riescono ad essere delle guide per i figli. Delle guide valide perlomeno.

Molti genitori si affidano a culti di acclamata o dubbia natura e inguajano la loro vita e i loro figli, quasi sempre senza rendersene conto, credendo di fare “la cosa giusta”. Testimoni di Geova che rifiutano trasfusioni di sangue, ad esempio, hanno lasciato morire le proprie figlie di parto o di altre cose tranquillamente risolvibili.

Per non parlare poi di altre dottrine religiose che hanno letteralmente bacato i cervelli di generazioni intere. Bibbia presa ALLA LETTERA e cose del genere.

Poi ci sono i genitori che non sono in grado di prendersi cura di se stessi però poi, GIUSTAMENTE, fanno i figli. Giustamente un paio di palle.

Chi decide di prendersi una responsabilità del genere deve essere certo di essere in grando di poter svolgere il suo compito al meglio, senza inguajare generazioni e generazioni. Un po’ come chi prende un cane dovrebbe essere convinto del gesto che fa, la sostanza non cambia, ma la ripercossione sulle generazioni nel caso umano è ovvia.

Cattivi genitori spesso generano altri futuri cattivi genitori e così via, perchè nessuno darà gli strumenti adatti e sani ai propri figli per allacciare e instaurare relazioni sane.

Una catena di sofferenze che si spezza soltanto nel momento in cui qualcuno si accorge della reiterazione dell’errore e decide di porvi rimedio.

E vi assicuro che il rimedio, cioè scavare dentro se stessi e capire tante cose, è altrettanto doloroso.

Ma è un dolore necessario, come quando c’è bisogno di operarsi.

Gli altri tipi di genitori per me  non sarebbero nemmeno da contemplare perchè non dovrebbero nemmeno esistere.

Genitori egoisti, ipocriti, svogliati. Genitori alla ricerca della scorciatoia e del “male minore”.

Genitori che se ne sbattono della reputazione che hanno nelle teste dei propri figli e continuano a collezionare stronzate su stronzate fino a rendersi quasi schifati.

Io non so come sia possibile non  provare empatia per i propri figli.

Io provo empatia già con i miei animali e con le persone a cui voglio bene, sono cresciuta ponendomi una serie infinita di domande e colpevolizzandomi anche laddove non dovevo perchè cercavo sempre i motivi per i quali, ad esempio, qualcuno mi trattava male. Perchè?

Perchè è più facile credere che gli altri ci trattino male per colpa nostra che per colpa loro, se si tratta di qualcuno a cui teniamo.

Ma tutto questo poi porta ad intrattenere relazioni sbagliate con persone sbagliatissime, che spesso se ne approfittano di questo stato di cose per manipolare e portare gli eventi in proprio vantaggio.

Ho fatto un percorso molto lungo, che dura ancora, cammina ancora, per capire che le cose stanno molto diversamente da come sembra, che le cose non dovrebbero essere così complicate e che le cose sane, giuste, sono anche semplici.

Non cerco più le cose “strane”, avventurose, amiche conoscenti o partner di merda, cerco solo le persone “giuste” con cui poter interagire.

Ma il rapporto con il mio “nucleo generativo” resta complicato e pieno di contraddizioni.

4 thoughts on “I genitori: questi (s)conosciuti

  1. Ohibò, @Simona cara … ti avevo lasciato in NAPOLI – TTATTA’, ed ecco che ti ritrovo qui, long and long time after, nella garbata veste di FIGLIA FUTURA GENITRICE CHE AMMONISCE SE STESSA E I GENITORI PROPRI E ALTRUI !
    Ebbene, all’ uopo ….. BECCATE QUESTA !!! 😀
    .

    Mi piace

    • La canzone è bellissima🙂
      Ma io non sono futura genitrice, più che altro sono custode della vita animale e di chi mi chiede aiuto😀
      Grazie per essere sempre fedele Bruno, oramai passo raramente qui perchè perfortuna/purtroppo ho fatto della scrittura anche un lavoro, ma come vedi prima o poi torno sempre all’ovile, il richiamo è forte😀 Buon anno nuovo!

      Mi piace

  2. Ultimamente vedo anche persone che vogliono un figlio semplicemente come si desidera una macchina nuova: ce l’hanno tutti i miei amici e lo voglio anche io! Voglio pensare che, semplicemente, non si rendono conto di cosa significa allevare una nuova vita.
    Condivido tutto quello che hai scritto e capisco il tuo rapporto complicato con i tuoi genitori… un nodo che probabilmente riuscirai a sciogliere soltanto quando accetterai che sono diversi da te e che la tua felicità presente non è un loro compito. Il passato non c’è più, dimentica e ricomincia senza aspettative.
    Buon Natale, con tanto affetto.

    Mi piace

    • Il fatto è proprio questo caro Mr Loto, le aspettative… perchè, in fondo, ci si aspetta sempre che chi ci ha dato la vita o chi ci dica “ti voglio bene” si preoccupi pure per noi.
      A volte però è così doloroso dover accettare che alcune persone hanno un handicap che li rende incapaci di farlo che si finisce per credere di essere sbagliati noi.
      Fortunatamente ho una forza vitale piuttosto potente, per quanto a volte mi sono abbattuta ho sempre avuto non solo la forza di rialzarmi ma anche di chiedermi “ma che cavolo è successo?”. Il succo è proprio questo a volte. Arrendersi all’evidenza dei fatti. Costruirsi a monte di tante convinzioni che, per quanto giuste, in alcuni casi risultano essere sbagliate o da contestualizzare diversamente. La rabbia a volte lascia spazio a un’infinita tenerezza e quasi pietà, e non so se sia un bene o un male ma ci si convive meglio, in tanti casi!
      Buon anno nuovo e scusami per il ritardo nella risposta!🙂

      Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...