28 Settembre 2012


Oggi ti ho vista tornare a casa piena di buste della spesa, carica come un “ciuccio” diresti tu, con gli occhiali da sole perchè è tornato un calore di pazzi, oggi sembrava Agosto.

Dicono che quando chi avrebbe dovuto prendersi cura di te invece fa il contrario, o lo fa in maniera sbagliata, ne patiamo necessariamente le conseguenze, e diventiamo persone diverse da quello che saremmo diventati in un’ipotetica realtà alternativa migliore….

Una ragazza con un commento mi ha dato un pretesto per andarmi a rileggere il post che ho scritto il 23 Novembre 2010…quando ho deciso di andarmene.

La mia vita con te è sempre stata un’altalena di altissimi e bassissimi, non c’è mai stata moderazione, mai stata una vera pace che non fosse condita da esagerazioni o da parole magari dette a sproposito,

eppure nonostante tanti momenti dolorosi, ho ricordi vivissimi di momenti in cui eravamo allegre e ridevamo come pazze o ci divertivamo inciuciando su qualcosa.

Ricordo anche tutte le volte che mi sono sfogata, che mi hai sentito piangere, che mi sei stata vicino.

Ricordo tutte le volte che mi hai trattato male fino a farmi svuotare dentro.

E ricordo tutte le volte che questo vuoto si ricolmava, e poi si risvuotava, senza sosta, per sempre…

Le radici sono una cosa importante, ma non si devono avvelenare altrimenti muore tutto l’albero, tutta la pianta, e tutti i frutti…

Sono passati quasi 3 anni da quel giorno in cui ho deciso di separarmi da quella realtà che mi teneva come aggrappata a un filo con 2 sbocchi che si alternavano all’impazzata senza mai darmi la sensazione di una anche presunta o precaria stabilità tra lo stare bene e lo stare male.

E nonostante mi sia separata da una realtà così ambigua ho continuato a farne parte, sono rimasta senza piedi dentro eppure con le punte dei capelli immerse, per un periodo…poi me ne sono allontanata fisicamente, per necessità, un po’ di più, e sembrava che le cose andassero davvero bene…

Fin quando le cose mi andavano di merda andavano bene tra me e te…

…quando hanno cominciato ad andare diversamente sono peggiorate tra me e te….

Non capisco, non capivo, ma poi una spiegazione me la sono data.

Le persone che nella vita hanno più che altro sofferto, non riescono a gestire situazioni diverse da quelle della sofferenza, per cui si trovano a disagio a rapportarsi in situazioni “positive”…

Cheppòi la positività e la negatività sono relative, ma questo è un altro paio di maniche…

 

Onestamente ci sarebbero fiumi e fiumi di cose da dire, che non dirò, perchè è inutile, perchè ho da fare (col nuovo trasloco, appunto 🙂 ) e perchè voglio lasciare intendere a chi ha orecchie e voglia di intendere, e lasciare per gli altri soltanto la sensazione di quello che ho scritto, che magari si può riversare e rispecchiare nelle loro vite in modi diversi e multiformi….

E poichè non ho la minima idea di come finirà sta storia….

…Statv buon 🙂

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...