Travelling Without Moving


Troppo spesso mi fermo a pensare e mi rendo conto che è quello il fatto: mi fermo (a pensare).
A volte pensare ti muove e a volte pensare ti ferma.
A volte pensare ti muove per poi decidere come e dove fermarti e a volte pensare ti ferma per decidere verso dove e come muoverti.

A cosa penso?

A un’infinità di cose.

  • Penso alle ultime evoluzioni con il “sangue del mio sangue”….e penso che faccio previsioni degne di una veggente. E penso che mi dispiace per come è andata con Il Napoletano. Mi dispiace assaj…per il resto…non ho parole, anche per il resto “del sangue”.
  • Penso a tutta la gente che mi rompe il cazzo, e gufa, e vuole impicciarsi dei fatti miei da quando le cose vanno in una certa maniera, pare persino che questa cosa abbia lanciato la nuova moda del “rompere il cazzo di gruppo”, e penso anche che feisbùc è la migliore telenovela inventata negli ultimi decenni, e anche, diciamocelo, che di tutto questo in fondo in fondo, non me ne frega na cippa.
  • Penso alle amiche che in qualche modo ho perso e che non ci sono più, a quelle che sono state “false”, a quelle che si sono nascoste o hanno nascosto qualcosa di sè che inevitabilmente le ha allontanate, penso a chi a sprazzi c’è, a modo suo, a chi non c’è nemmeno più a sprazzi e a chi mi dà qualche sprazzo che potrebbe evitarsi…
  • Penso a questa Pasqua e a questo compleanno, fatti di silenzi, qualche messaggio e qualche telefonata (a cui non ho risposto), che se non fosse stato per te, chi lo sa…
  • Penso che le cose in poco tempo sono evolute così velocemente che se qualcuno mi avesse fatto una previsione 1 anno fa a quest’ora lo avrei rinchiuso nel primo manicomio…….ma fortunatamente, di questo ne sono felice 🙂
  • Penso alle “appendici” che in qualche modo ho perso, e che chissà avrei finito per perdere comunque nel tempo, e invece a quello che ho guadagnato, forse è per uno stabilirsi di equilibri, perchè quello che ho guadagnato è troppo grande, ma ho il cuore che a volte si gonfia pensando anche alle persone che MAI avrei pensato avrei perso così totalmente, e così bruscamente, e così “bruttamente”….
  • Penso che non me ne frega niente del “posto fisso”, che non me ne fotte un cazzo del laurearmi giovane (età peraltro, e possibilità, già passate :D), che i libri non mi mettono il piatto a tavola ma mi aiutano a far si che io possa fare qualcosa che renda fisicamente possibile il piatto a tavola, la mentalità di sistema ha inguajato quella che per noi è la libertà di essere, di esprimerci, di essere liberi di essere felici in altri modi che non siano quelli consueti  e socialmente accettati e comuni, e che onestamente, attualmente, per come la vedo io, sono pure gli unici metodi…reinventarsi, farsi da soli, sbracciarsi le maniche e il cervello, e FARE. Non ci stanno regole pe’ campà cuntènt…
  • Penso che come tante cose meravigliose della mia vita, anche i miei cani sono croce e delizia, croce perchè ne ho responsabilità piena, perchè 6 non è come averne 1, perchè non posso più viaggiare o muovermi anche solo per un weekend senza stare col pensiero o senza qualcuno che mi aiuti (che non esiste), ma che quello che ricevo in cambio è così grande che di tutto questo, in fondo, a stento me ne accorgo…
  • Penso che sono felice di questa famiglia ingrandita, e che quello che è successo è un miracolo che non capita a tutti, e che tutto quello che sta venendo e verrà, senza nemmeno che specifico, è una meraviglia. E’ la Luce delle mie giornate, il pensiero che mi sprona e lo spunto quotidiano che mi rende felice.
  • Penso un sacco di altre cose ma mi sono distratta a pensarne altre e non me le ricordo più, meglio così 🙂


Yes i wanna tell u…

ps. penso anche che ho scritto in un italiano approssimativamenteapprossimativo ma vabbè.. 🙂

Annunci

8 thoughts on “Travelling Without Moving

  1. molto intenso questo post…nn ti leggevo da un pò e di questo me ne dispiaccio perchè almeno è un modo per sentirti più vicina 🙂 si sono cambiate un infinità di cose e il cambiamento anche se alla lunga può avere risvolti positivi è sempre una sofferenza …cambiare è soffrire …credo che anche i serpenti animali a sangue freddo soffrano quando cambiano pelle, è la legge della natura…tvb

    Mi piace

    • Ti voglio tanto bene anche io…
      E mi mancano tanto le serate a dire stronzate e a fare sceneggiature per film.. 🙂
      Mi manca tanto moltissima di quella roba che prima era scontata, e che adesso sembra quasi un miracolo se riusciamo a farla accadere di nuovo…
      Sono stata un po malinconica sti giorni,
      ma capisco tante cose…vi voglio sempre bene 🙂

      Mi piace

  2. Può una mente “ipersinaptica” cessare di pensare ???
    O convogliare i pensieri su un’ unica rotaia ???
    Nò …. @Simona, a mio parere NON errante, una mente non può rinunciare ai suoi pensieri, non gli consentito …. può sì rallentare il tempo, fermarlo ed annullarlo, talvolta, col sogno …. o lavarlo attraverso le lacrime ….
    Ma il tempo scorre non ostante noi e i nostri pensieri multiformi, il mondo ruota e passa su di noi …. poichè è tutto un divenire mutando, niente e nessuno è più lo stesso dell’ istante prima e l’ attimo in cui il nostro pensiero emerge, è già passato ….
    “Il tempo … gli anni, i mesi, i giorni, le ore” scriveva lo straordinario tuo concittadino @Giuseppe Marotta ( mai da me, e da chi ami la dignità sofferta ma invitta, troppo rimpianto …. ) “mi arrivano addosso come sassi levigati di torrente” , e non di rado, amica mia, questa pioggia di sassi ci fà male, e non soltanto per i lividi sulla pelle !
    Così, questo vorticare rapidissimo del tempo, mi ha fatto dimenticare che compivi gli anni …. E che dirti ora ??? Che continua a piacermi, ed a farmi bene, l’ esserti AMICO, comunque e senza nulla a pretendere, e che continua in me la gioia di percepirti, amara sì ma dolce, veemente sì ma a ragione, immemore sì ma quando occorra, battagliera sì ma leale …. insomma la non mutata “dentro e fuori” iper e super @Menteipersinaptica, non indegna figlia di Napoli e del vento … 😀
    @Brumo …

    Mi piace

    • Iper e Super è troppo 😀
      Ma comunque grazie BRUMO (ahaha è come ti sei firmato 🙂 ) per passare sempre a trovarmi anche se non scrivo più spessissimo (causa svariati motivi), e per lasciare un contributo, lo apprezzo, davvero 🙂

      Mi piace

      • Oh …. @Brumo ?!? 😯
        Ahò … avevo appena gustato un film “classico” che m’ è assai caro ( e che rivedo spesso, avendolo acquistato in CD ‘originale’ ), intitolato LE QUAI DES BRUMES ( “Il porto delle nebbie” …. ) ! E, probabilmente ahimè, fra quei languori poetici e romantici, tra quei tragici, accorati amori a cui diedero vita, interpretando magistralmente quel ‘bianco e nero’ fine anni ‘trenta, la giovanissima @Michèle Morgan ed il mitico @Jean Gabin, avvolto da quelle atmosfere nebbiose, traslucide che accarezzano “il porto” da cui tutti vorremmo partire per andarcene chissà-dove, m’ ero IMBRUMITO anch’ io senza accorgermene !!! :mrgreen:
        Quanto al contributo @Simona …. lo sento reciproco, poichè tengo assai alla tua amicizia, da cui imparo non poche cose ! 🙂
        @BruNo …. rider for ever

        Mi piace

    • Oddio io sto bene dove sto, non me ne andrei da nessun’altra parte che non sia la casa che stiamo cercando dove starcene tranquilli noi e il nostro zoo 😉
      Poi tu ninzò 😀
      Ma a me Napule e soprattutto questa zona qua dove sto ora, me piace assaje! 😀

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...