Cose 2 la vendemmia, ovvero: quando le festività diventano un danno


Oggi è “quasi” ferragosto, e io in prossimità delle feste divento tendenzialmente catatonica 🙂
Ho riletto quello che ho scritto alla vigilia di capodanno, e il succo è più o meno lo stesso, solo che ora ho 4 cani in più!
Tutto questo per dire che quando sei ragazzino/a, le festività si portano via quasi sempre tutti i malumori, proprio perchè sei ragazzino/a e tutti ci tengono che tu sia felice, che tu ti diverta, che passi una bella giornata…i problemi restano ai grandi, e tu magari manco te ne accorgi.
Solo ora posso capire mia madre, quando mi disse che lei dopo aver perso i genitori avvertiva le festività con tristezza, non le aspettava anzi voleva solo che passassero, e apprezzo tutti gli sforzi che ha fatto quando ero bimba e anche quando lo ero meno ( 🙂 ) di far sì che io passassi delle belle festività…
Anche se comunque il giorno prima e il giorno dopo le feste, i problemi e i casini sono sempre là, non è che scompaiono magicamente…
Solo che quando sei tu poi a essere grande, tutto questo automaticamente non vale più. Sei tu a doverti preoccupare che i tuoi amati stiano bene (nel mio caso, i miei animali) e a preoccuparti meno di te stessa, sacrificandoti…sacrificando una vacanza, sacrificando il fatto che potresti riposarti e invece ti tocca lavorare anche d’estate per poter continuare a pagare fitto, cibo per te e per la tua famiglia, bollette, assicurazione dell’auto etcetcetc…
Anche questa volta, come per tutte le altre festività, per me si pone il problema di avere una famiglia “non convenzionale” e di dovermi adattare…se hai dei figli e un marito ti accettano ovunque, se hai 6 cani e 1 gatto………..è già tanto se trovi una casa dove abitare.
Non che per me sia poi un sacrificio così grande, ma non posso evitare di vedere che molto spesso in queste occasioni sono pressocchè sola, perchè tutti ovviamente hanno le loro cose da fare e la loro vita da vivere (se “sola”, in questo caso, è la parola giusta 🙂 ).
Tuttavia,
basta orientarsi diversamente, e trovare posti dove si può andare senza problemi, e uno è dove hanno adottato il mio piccolo Terry, che è un belissimo Agriturismo vicino Campobasso.
Ognuno di noi deve incentrare le proprie energie e le proprie capacità per capire quali sono le possibilità che ha, come quando sono diventata vegetariana e ho scoperto un sacco di alimenti che prima non sapevo nemmeno esistessero.
E ora sono 12 anni che sono fieramente e convintamente e gioiosamente vegetariana.
Per il resto, non mi viene null’altro in mente e va bene così 🙂

Ho in mente delle cose da scrivere, e precisamente volevo intitolare questo post “scelte”. Ma è tardi, sono quasi le 3 e non sono lucidissima, visto che la mia serata di capodanno è stata stasera e che domani non credo ce ne sarà un’altra (proprio per quello che volevo scrivere, “scelte”)… Per cui forse è meglio che lascio la mia mente filosofeggiante a riposà, e che saggiamente m vac a cuccà. Però penso che decisamente ci sono scelte che si fa … Read More

via Confessioni e (S)Connessioni di una Mente Ipersinaptica

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...