Chi ha detto che eessere forti è un vantaggio?


E’ una grandissima stronzata.

Purtroppo/Perfortuna la vita non è che sia stata particolarmente clemente con me, a partire dal mio concepimento, ma non starò qui a raccontarvi tutti i miei problemi, un po’ perchè sono stati tanti, e alcuni anche piuttosto “tragici”, un po’ perchè in fondo a voi che cazzo ve ne frega 🙂

Ma il fatto è che questa “vita difficile” mi ha prima condizionato l’infanzia, in cui sono stata tanto debole, e poi si è ribaltata nell’età adulta e mi ha fatto diventare cinica, e intransigente, e tanto esigente.

Ho conosciuto molte persone durante questo cammino che ormai si avvicina ai 30 anni di lunghezza, ma quelle a cui ho tenuto veramente si possono contare su poche dita, amicizie, parenti, amori, e solo ora mi rendo conto che però questo mio atteggiamento verso la vita non mi ha facilitato le cose.

Nè quando ero ragazzina nè ora.

Le persone che mi sono state vicino negli ultimi anni e che mi hanno amato veramente alla fine è come se si fossero sentite sopraffatte da me, è come se si fossero sentite in qualche modo “messe sotto”, e il risultato è stato prevedibile.

Quasi nessuno ha capito che in realtà sotto questo mio modo di prendere la vita c’è molta più sensibilità, e insicurezza, e bisogno d’affetto di molte altre persone che invece hanno un modo di vivere più “sdolcinato”.

Come tutti,

anche io ho bisogno di sentirmi coccolata, al sicuro, e voluta bene e rispettata, anche se magari faccio l’idiota e a una coccola rispondo con “ma sì  scèm?!”, è solo un atteggiamento, sono solo spaventata.

Probabilmente questo way of life non scatena negli altri l’istinto di protezione verso di me, anzi pensano “vabbè ce la può fare da sola perchè tiene le palle, forse ne ha più di me, forse sono io a dovermi difendere prima che mi accappotta”, mentre io invece sono fatta all’opposto e tendo a proteggere e a coccolare le persone a cui voglio bene, forse è il mio stupidissimo istinto di crocerossina fiammante 🙂

Ma alla fine mi rendo conto che chi ci perde sono io. O forse un po’ tutti, io e quelli che mi stanno intorno.

E spero vivamente che tutto questo non mi stia costruendo pure a me un muro intorno,

intorno al cervello,

intorno al corpo e intorno al cuore.

Sono molto selettiva, ma quando voglio bene voglio bene veramente,

non esiste una cosa che non farei,

per un’amico, un’amante, un parente a cui voglio veramente bene.

Sono nata per questo,

per prendermi cura degli animali,

per prendermi cura delle persone a cui tengo,

per “dare”, per volere bene,

e spero che tutto questo non mi continuerà a devastare la vita,

spero di non sentirmi più come mi sento oggi,

ma già so che essendo fatta così sono soggetta a stare di nuovo così, a meno che non mi costruisco sto muro e mi ci metto dietro.

Non credo di avere la forza di parlare con nessuno,

per cui cumpagnelle mie, o chiunque legga qui e gli venga in mente di contattarmi, desistete 🙂 Questo post vi dimostra che sono viva e che stong cà, ma è tutto quello che posso fare oggi, poi domani vedremo.

Ne ho avuti tanti di momenti difficili eppure continuano a venirne altri, e pure peggiori, e che devo fare, alla fine le colpe stanno sempre da più lati, non c’è mai un vero, solo, unico colpevole.

Non mi viene altro da dire, quindi per ora chiudo.

Orevuàr

Annunci

7 thoughts on “Chi ha detto che eessere forti è un vantaggio?

  1. Bonjour,

    Ditti che qualche o ciò che provi non sei l’unica… Questo posto l’avrei potuto scrivere io (eccettuato certo dettaglio).
    Per rispondere alla domanda, secondo me essere forte non è un vantaggio, tranne in periodo di guerra, carestia o di malattia… ma nelle rilazione umane, essere forte è un inconveniente… La gente si permette di essere cattiva, violenta o sgradevole perche sa che le personne forte incassano i colpi…

    Purtroppo è cosi, non è possibile di cambiare la sua sensibilità, e non è possibile di cambiare gli altri.

    Mi piace

  2. Un bel Post, Lady @Simona, questo racconto, fuori dalle metafore e le sinapsi, “di te come sei e come interiormente ti senti”, della tua indubitabile forza reagente e della tua comprensibilissima fragilità !
    Questo tuo sentito scritto, mi ricorda un po’ “Le Confessioni” di Sant’ Agostino, un Uomo dolente e sincero, assai pieno di dubbi esistenziali, ma mai stanco di ricercare in se stesso, prima che negli altri, un barlume di verità definitiva ! E’ un Uomo che, al di là della sua santità ( peraltro concessagli ‘a denti stretti’, dal potere ecclesiale ), ho amato, ed amo, moltissimo, poichè è uno dei pochissimi che ha aperto la sua anima fino in fondo alle radici, come ora stai tentando di fare Tu !
    Che dirti ?
    Sarà pur vero che la tua forza tiene lontano gli altri ( ma a mio avviso, la trovo francamente una scusa ! ), come pure che il tuo “sbandierato cinismo” o “la tua linguetta impertinente ed incline alla parolaccia che irride chi s’ accosti a te”, possano tener lontano “eventuali coccolatori ben disposti verso di te”, ma questa circostanza, guarda tu, io la considero favorevole per te, poichè setaccia i ‘rompicoglioni’ dalle persone sincere, cui ogni tuo atteggiamento ‘a respingere’ non potrebbe interessare di meno se nutrissero nei tuoi confronti stima e affetto, per non dire amore !
    I tuoi Amici “veri” ed i tuoi Affetti si contano con le dita di una mano ???
    Sei fortunata, Lady @Simona : moltissime persone, non li potrebbero contare nemmeno con un dito !!!

    Ps. Strana cosa, per un Cavaliere Errante, dover insegnare a contare meglio ad una futura e valida Matematica !

    Mi piace

  3. Ti ringrazio per le belle parole Bruno,
    in realtà questa è una mia analisi su me stessa, non sono cose che mi sono state dette.
    Non sono gli altri ad allontanarsi da me, sono io che li allontano volontariamente ma allo stesso tempo contro voglia perchè non mi sento in realtà capita, e come mi potrebbero capire se mi comporto così…

    Col mio ex ragazzo è andata così ma vabbè, diciamo che le cose erano oramai sfumate, si è sofferto, ma oggi non ho rimpianti.

    La mia ultima relazione l’ho conclusa controvoglia io, perchè c’erano troppe difficoltà.
    Perchè oltre a tutte queste mie contraddizioni c’erano le sue, è come se si fossero presi a capate 2 muri contemporaneamente.
    Però a differenza dell’altra volta, non è sfumato nulla.
    E’ ancora tutto molto vivo e presente.
    E questa volta però mi sono aperta. Forse troppo tardi, ma meglio tardi che mai.
    E tutte queste contraddizioni le ho spiegate, le ho condivise, perchè forse così sarà tutto più chiaro e limpido per entrambi.
    Solo che fa un male del cazzo perchè entrambi avremmo voluto fosse andata diversamente.

    Si dice che nella vita c’è sempre tempo ma in realtà io penso che dovremmo vivere come se ogni attimo fosse l’ultimo.
    Per cui onestamente non mi faccio illusioni che le cose possano cambiare, se sono andate così ci saranno pure dei motivi.

    Tutto accade per un motivo, forse questa storia mi è servita proprio per prendere coscienza di queste cose.
    def laif

    Mi piace

  4. Lodevole, Amica mia, considerare ‘col sentimento’ che ogni attimo dell’ esistenza nostra sia l’ ultimo ! Ma, con la ‘forza della ragione’ pensando che, a quell’ attimo, ne seguiranno tantissimi altri, poichè – come mi insegni – anche un intervallo minimo ne contiene infiniti !

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...